Sorvolare la Cappadocia in mongolfiera

Share on Facebook4Share on Google+2Tweet about this on Twitter4Pin on Pinterest0

 

Alle 5 del mattino, fuori dall’ostello, tutto tace.

Solo alcune galline partcolarmente mattiniere, iniziano a razzolare in cerca di cibo per la strada.

Dopo qualche minuto, mi raggiunge un ragazzo dai tratti asiatici che poco dopo scoprirò essere di Kyoto.

“Anche tu aspetti il pulmino che ti passi a prendere?” “Sì, ho prenotato ieri quest’attività, sono molto curiosa.” Rispondo.

Dopo qualche minuto in effetti, nel buio del primo mattino, scorgo i fari del pulmino che mi porteranno a sorvolare con la mongolfiera la Cappadocia turca al sorgere del sole.

Il silenzio e la Cappadocia

 

Arrivo così in un grande piazzale dove alcune persone stanno accendendo i bruciatori delle mongolfiere.

Ci sono persone da ogni parte del mondo che attendono con me di poter salire sulle navicelle.

L’aria è frizzante, su un tavolino da campeggio posizionato poco più in là un caffè e alcuni biscotti sono a disposizione.

 

Finiti i preparativi, veniamo divisi in gruppi e accompagnati nelle relative navicelle.

Io finisco insieme a due ragazze francesi e, dopo una breve formazione fatta dal pilota in caso di problemi, prendiamo il volo.

 

Il sole di una bellissima giornata inizia a a fare capolino tra i bellissimi camini delle fate.

Le emozioni si susseguono, volteggiamo su e giù tra le formazioni rocciose insieme ad un centinaio e più di mongolfiere che come noi sorvolano il cielo.

Nessuno parla, lo spettacolo entra talmente in un’atmosfera surreale che ognuno interiorizza il suo momento.

 

Dopo circa un’ora, ci apprestiamo alla discesa, e con delicatezza la nostra la nostra pilota ci accompagna a terra.

Un brindisi con dello spumante tutti insieme e ognuno torna al suo ostello.

Il costo di circa 100 € può essere considerato non particolarmente economico per il breve tempo in cui si sorvola la Cappadocia, ma le emozioni che ogni minuto racchiude, a pare mio valgono il prezzo.

 

 

Share on Facebook4Share on Google+2Tweet about this on Twitter4Pin on Pinterest0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *