Gola dell’Ardèche. Se la canoa diventa un mezzo di trasporto.

Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on Twitter3Pin on Pinterest0

 

Esiste un luogo, in Francia, dove per spostarti utilizzi la canoa.

Non c’è altro mezzo, devi solo pagaiare.

Vi racconto la mia esperienza nella gola dell’Ardèche, considerato uno dei canyon più belli d’Europa.

 

Partenza per il giro di 2 giorni
Partenza per il giro di 2 giorni

Quando andare

 

Per discendere il tratto di fiume Ardèche in canoa, occorre tenere presente 2 importanti fattori:

A) Ci deve essere abbastanza acqua. Altrimenti si rischia di faticare molto a pagaiare e si perdono quei momenti di adrenalina causati dalle piccole rapide che ci sono durante il percorso, che ovviamente con poca acqua non si creano.

B) Deve fare relativamente caldo. Tenete presente che sarete sulla canoa per 2 giorni consecutivi, e può capitare che la canoa si ribalti (a noi è successo nelle rapide) e l’unico modo per evitare di ammalarsi è scaldarsi al sole.

Il periodo giusto, secondo me, è da metà Giugno a metà Luglio.

 

lo spettacolo della Gola dell'Ardèche
lo spettacolo della Gola dell’Ardèche

Come arrivare

 

La Gorge del l’Ardèche (gola dell’Ardèche) è un vero e proprio paradiso per gli appassionati di canoa e kayak. Si snoda lungo il fiume Ardèche da cui prende il nome, e si trova nella regione francese Alvernia – Rodano – Alpi.

Se si arriva in aereo, gli aereoporti più vicini sono quelli di Marsiglia e Montpellier. Da lì, occorre affittare un auto e proseguire per la gola.

Noi siamo arrivati in auto, vivendo a Torino abbiamo viaggiato tutta la notte, partendo il venerdì dopo il lavoro, per arrivare intorno alle 06.00 di mattina a destinazione.

E’ una sfacchinata, se potete, arrivate nell’Ardèche almeno la sera prima!

 

Dipartimento dell'Ardèche
Dipartimento dell’Ardèche

Dove dormire

 

Durante il percorso in canoa, gli unici posti per dormire sono i due campeggi. Occorre infatti portarsi la tenda, che si metterà, insieme ai viveri e ai beni di prima necessità, nel bidone chiuso ermeticamente che vi porterete in canoa. Ma non temete, tutti i dettagli su cosa portare ve li descrivo nel prossimo paragrafo!

Se arrivate la sera prima o vi fermate una sera successiva all’esperienza in canoa, potete dormire nei tanti hotel, bed & breakfast o affittacamere che ci sono nella zona di partenza dell’escursione: Vallon Pont d’Arc. Consigliata la prenotazione.

 

Vallon Pont d'Arc
Vallon Pont d’Arc

L’affitto della Canoa

 

Il paese di Vallon Pont d’Arc si basa quasi esclusivamente sul turismo derivato da quest’esperienza. Perciò sarà facilissimo trovare chi vi affitta la canoa, i cartelli sulla strada principale sono moltissimi ed ognuno pubblicizza le agenzie di affitto canoe/kayak.

I prezzi sono perlopiù tutti uguali, non occorre chiedere al miglior offerente, vi verrà fatto da tutti lo stesso prezzo.

Il servizio di noleggio comprende i seguenti servizi:

Noleggio della canoa a 2 posti, giubbotto salvagente, una pagaia per ognuno, ed un bidone stagno a persona che si fisserà con delle corde a bordo della canoa (anche se vi ribaltate il bidone non si staccherà!).

Compreso nel noleggio c’è il trasporto con un pulmino fino al luogo in cui partirete e il “recupero” nel luogo stabilito (ma non potete sbagliarvi, la vostra agenzia vi attenderà dove si attendono tutte le canoe, la fine del percorso è molto chiara) per riportarvi all’auto.

 

Punti calmi durante il percorso
Punti calmi durante il percorso

Ticket e prenotazioni

 

Il periodo tra Giugno e Luglio è il periodo più affollato. Vi consiglio vivamente di  prenotare anticipatamente tramite internet il pass per pernottare nei due campeggi attrezzati.

Tenete presente che se i  2 campeggi sono pieni (cosa molto facile se non si prenota) si rischia di non partire per l’avventura. In Francia sono tassativi, nessun affollamento nelle piazzole!

Prenotate sul seguente link, in modo da poter scegliere se bivaccare nel primo bivacco che si incontra nella discesa,  il Gaud o quello più a valle, il Gournier. Tutto dipende se preferite pagaiare un pò di più il primo giorno o il secondo!

Una volta arrivati a Vallon Pont d’Arc occorre andare all’ufficio dell’ente parco per ritirare i biglietti.

Tenete presente che al di fuori di questi due luoghi, essendo riserva naturale, non è possibile bivaccare.

Dormire nei campeggi costa dagli 8 € in settimana ai 12 € nei week end. Sono forniti di acqua potabile (un carico in meno da mettere nel bidone) e di legna per il barbecue…manca solo il cibo!

 

Bivacco Gournier
Bivacco Gournier

Cosa portare

 

Anche se il bidone stagno che vi verrà fornito è abbastanza grande, vedrete che lo spazio si esaurisce in fretta! Vi consiglio quindi di portare solo lo stretto indispensabile.

Un breve elenco di oggetti necessari per la discesa di due giorni nella gola dell’Ardèche: tenda; sacco a pelo; viveri per il pranzo del primo giorno (tendenzialmente panini, lo farete in qualche anfratto che più vi piacerà nella gola, e non si possono accendere fuochi), cena e colazione; acqua (ma solo per il percorso, nelle zone attrezzate c’è l’acqua potabile); costume da bagno; un cambio o due (vi capotterete…e cadrete in acqua!); telo da mare; infradito (durante la discesa utilizzate scarpe che siano ben fissate ai vostri piedi…sempre per il discorso fatto prima) e occhiali da sole con un cordino per legarli.

 

Il percorso

 

Innanzitutto vi comunico che in totale i km da pagaiare sono 32. Per questo è bene che ci sia molta acqua, in modo da fare meno fatica e, in taluni casi, farsi trasportare.

 

Il percorso
Il percorso

 

Dalla partenza il percorso è dolce, si pagaia senza troppa fatica in un fiume docile.

Il paesaggio è molto bello, siamo in una riserva naturale e, a parte il rumore delle varie canoe, non si sente altro.

I punti un pochino più critici, con delle rapide, sono in tutto 2 o 3 mentre il resto del percorso è più polleggiato!

Al termine ci si arriva di solito dalle 15 alle 16.30 circa del secondo giorno, ma prendetevela comoda, potete arrivare anche più tardi, il noleggiatore di canoe vi aspetterà, non temete.

E’ meglio godersi il percorso, magari fermandosi a prendere un pò di sole in qualche spiaggetta che dover aspettare all’arrivo!

 

Ora non vi resta che rinforzarvi i bicipiti e….pagaiare!!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on Twitter3Pin on Pinterest0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *