Home EuropaFrancia Avignone: la città di 9 Papi e di un mezzo ponte

Avignone: la città di 9 Papi e di un mezzo ponte

by
avignone: copertina

Sembra il titolo di un film. Eppure Avignone è proprio così: è la città che ha ospitato 9 Papi e ha tra le sue principali attrazioni un mezzo ponte.
Vieni con noi a scoprire questa strana città del Sud della Francia, dove nulla è come sembra e dove la luce combatte ogni giorno contro il buio.

Avignone e la sua storia

La città di Avenio, l’antico nome di Avignone, era già in epoca romana un importante fulcro economico, e con l’imperatore Augusto fu consacrata come una delle 80 città della Gallia Romana.
Con il passare dei secoli la sua importanza venne meno al punto che, nel XIV secolo, venne venduta per un pugno di soldi dalla regina Giovanna d’Angiò alla chiesa. E sai perché? La scaltra Giovanna era accusata di aver ucciso il marito, e in cambio della grazia papale pensò bene di vendere a Benedetto XII proprio la città di Avignone.
Le mazzette sono una storia antica si sa!


La città ospitò quindi i pontefici in fuga dai disordini politici di Roma fino al 1411. In quegli anni, mentre fioccavano scomuniche reciproche tra i Papi insediati a Roma e quelli nella “cattività Avignonese” vennero investite ingenti somme di denaro ad Avignone. Fu così che il Palazzo dei Papi fu ampliato e rimaneggiato nel corso degli anni, diventando così ad oggi il più grande palazzo gotico del mondo.

Tombe papali
Interni del Palazzo dei Papi

Cosa vedere ad Avignone

1. Il Palais des Papes – il Palazzo dei Papi

Il Palazzo dei Papi è un’immensa e maestosa costruzione sita proprio nel centro della città di Avignone. Il più grande edificio gotico del mondo fu eretto da Clemente V che nel 1309 fuggì da Roma per rifugiarsi nella sua terra natale, la Francia.
Ti perderai nella sua grandezza: 25 stanze sono a disposizione dei visitatori e potrai ammirare tutte le pareti affrescate, le sale da pranzo e gli appartamenti privati.


Devo confessarti una cosa: già com’era successo ad Alcatraz, quello che ha reso davvero unica la visita è stata l’audioguida. Ma che dico, non è un’audioguida, è l’historypad!
Infatti, con il prezzo del biglietto (Adulti 12 € – anno 2021) ti viene consegnato un tablet con le sue cuffie. Con questo meraviglioso aggeggio avrai sì le informazioni fondamentali per apprezzare il luogo ma soprattutto ti riporteranno indietro nel tempo.
Come? Ti basterà inquadrare i QR Code sparsi nelle stanze con il tablet e magicamente verrai catapultato nel 1300 tra sontuosi banchetti e fuochi accesi nei caminetti.
Ah, non dimenticarti di trovare i tesori in tutte le stanze, solo così avrai l’attestato a fine corso!

Nota 2021: Per visitare il Palais des Papes è necessario avere con sé il Green Pass Europeo.

Il Palazzo dei Papi è aperto tutti i giorni, tutto l’anno con orario 10.00/17.00
L’ultimo ingresso alle casse è un’ora prima della chiusura del monumento.
Per verificare le tariffe aggiornate vai sul sito ufficiale cliccando qui.

visita guidata historypad
L’Historypad ti riporta indietro nella storia del Palazzo dei Papi

2. Il ponte San Benezet

Il mezzo ponte di Avignone deve la sua fama ad una famosa canzone per bambini. Lo conosci il motivetto “Sur le pont d’Avignon, l’on y danse, l’on y danse…”? No? Nemmeno io.
In realtà pare che in Francia sia molto famoso e ogni bambino sa canticchiarla.
Originario del XII secolo il ponte San Benezet è stato distrutto e ricostruito molte volte nel corso dei secoli. Ma dal ‘600 ad oggi non è stato più rimaneggiato e attualmente rimangono solamente 4 navate originali e la cappella votiva dedicata a San Nicola, patrono dei marinai.
Ah non ti ho detto che del ponte non ne rimane che metà…vedi che ad Avignone c’è un mezzo ponte?! L’effetto scenico è d’impatto e merita senza dubbio una visita.

Il Ponte San Bénezet è aperto tutti i giorni, tutto l’anno con orario 10.00/17.00
L’ultimo ingresso alle casse è un’1/2 ora prima della chiusura del monumento.
Per verificare le tariffe aggiornate vai sul sito ufficiale.

avignone: ponte san benezet
Il ponte San Benezet visto dal Rocher des Doms

3. Place del l’Horloge

La Place de l’Horloge è situata a pochi metri a Sud dal Palazzo dei Papi. E’ la piazza dove si concentra maggiormente la vita cittadina. Ricca di ristoranti, bistrot e locali di vario tipo è senza ombra di dubbio la piazza più luminosa della città. Perché utilizzo proprio questo aggettivo? Perché Avignone sembra essere un luogo dove la luce e il buio combattono costantemente una guerra e spesso il secondo ha la meglio.
Nella Place de l’Horloge troverai una sfavillante giostra per bambini in stile retrò situata proprio nel centro mentre un’opera d’arte raffigurante lampade da tavolo giganti illuminano la piazza con mille colori (installazione per il festival Hélios 2021).

avignone: place de l'horloge
La Place de l’Horloge e la sua particolare illuminazione

4. La Cathédrale de Notre Dame de Doms

La cattedrale di Avignone è l’edificio religioso più antico della città. Situata proprio a fianco del Palazzo dei Papi, l’edificio campeggia sulla Place du Palais con una riproduzione del Golgota con statue in pietra a grandezza naturale. Proprio in questo imponente luogo di culto i Papi avignonesi celebravano le funzioni religiose.
Gli interni della cattedrale ospitano dei dipinti di grande impatto scenico nonché affreschi medievali dalla parvenza alquanto “macabra”.
Merita una visita il giardino retrostante del Rocher des Doms con uno stagno abitato da anatroccoli, fontane muschiate, un vigneto e un alveare (sì, hai capito bene!) e una splendida vista a 360 gradi sulle Alpilles e sul Rodano.

Rocher des Doms
Il laghetto del Rocher des Doms

5. La Place du Palais

La lunga piazza che ospita il Palais des Papes ha una strana caratteristica: è buia. Una delle piazze principali della città, circondata di monumenti di pregio, al calare della notte viene avvolta dall’oscurità. Mi spiego meglio: le luci ci sono chiaramente, ma sono poche e illuminano solo la parte dedicata ai bar e bistrot. La cattedrale con il suo Golgota, per esempio, è immerso nel buio, così come le altre strutture della piazza ad eccezion fatta del Palazzo dei Papi.
Sebbene sia brulicante di vita provate a osservare bene i volti dei cherubini delle facciate antiche. L’espressione non sarà la stessa che avrete visto al mattino!

La piazza principale
La Place du Palais

Non hai molto tempo? Partecipa a questa visita guidata di Avignone e del Palazzo dei Papi, una guida ti accompagnerà nei luoghi più emblematici della città con consigli, biglietti salta la fila e…un bicchiere di vino Côtes du Rhône per alleggerire la stanchezza!

Informazioni utili per organizzare un viaggio ad Avignone

  • Si visita in 2 giorni. In realtà noi l’abbiamo fatto in un giorno solo dedicando una mezza giornata al Palais des Papes, ma se vuoi prendertela comoda in 2 giorni avrai visto la maggior parte delle attrazioni di pregio della città.
  • Cerca di visitarla nei mesi di Luglio e Agosto. La città si riempie di giochi di luce che vengono proiettati sui muri ogni 30 minuti circa. Questo festival viene chiamato “Les Luminessences d’Avignon“.
  • Se arrivi ad Avignone in auto ti consiglio di parcheggiarla nei pressi delle mura (tra l’altro splendide e ben conservate). Troverai parcheggi gratuiti dove lasciare l’auto e visitare il centro storico a piedi. Nel paragrafo successivo troverai tutti i dettagli dei parcheggi. Ti sconsiglio di dirigerti verso il centro con la macchina, le vie sono piccole e spesso chiuse alle auto.
  • L’ufficio del turismo di Avignone predispone dei City Pass davvero convenienti e di diversi tipi. Permettono di risparmiare nella visita e aprono le porte anche al territorio circostante. Se non lo acquisti on line gli uffici del turismo si trovano nella stazione ferroviaria (aperto solo in estate) e in Cours Jean Jaurès 41 (aperto tutto l’anno).
vicolo
La quintessenza di una città

Come arrivare ad Avignone

Se decidi di visitare Avignone in auto:

Puoi accedere alla città dall’autostrada A7, dall’autostrada A9 e dalle strade nazionali N100
e N7. La città è circondata da mura e, come ti ho detto prima, ti consiglio di lasciare l’auto nei parcheggi fuori dal centro storico che offrono delle navette gratuite per il centro città.
Qui di seguito l’elenco dei parcheggi con navetta:
Parking des Italiens
Avenue des Italiens, 1400
posti gratis.
Parking de l’Ile Piot
Ile Piot, route de l’Islon,
1100 posti gratis.

Se decidi di arrivare ad Avignone in aereo:

La città di Avignone è fornita di un suo aeroporto ma non è attualmente collegato con l’Italia. L’aeroporto più vicino è quello di Marsiglia e quello di Montpellier che nel periodo estivo effettua 2 voli a settimana da/per Palermo.
Da lì potrai affittare un auto o prendere un pullman o il treno.
Il sito PEM Avignon fornisce indicazioni su tutti gli orari e i mezzi per spostarsi con facilità.

Se decidi di arrivare ad Avignone in treno:
La stazione principale di Avignone si trova proprio appena fuori le mura ed è raggiungibile a piedi con facilità.

avignone: fontana
La frescura delle fontane avignonesi

Dove mangiare ad Avignone

La Place de l’Horloge è la piazza dove troverai ristoranti e bistrot per turisti. I prezzi sono alti e non sempre la qualità è delle migliori. Ti consiglio la zona della piazzetta Place des Corps Saints, un luogo più intimo e più vero dove potrai trovare café in vecchio stile con dehors all’ombra dei platani e ristoranti più “sinceri”.
Altri luoghi dove la vera Avignone fa capolino è la Place de la Principle, ricca di bistrot. Non è strano sentire gli avignonesi pronunciare: “Ci vediamo in Place Pie?”

avignone: place des corps saints
La Place des Corps Saints

Dove dormire ad Avignone

Avignone offre un ampia scelta di hotel che spaziano dai più spartani ai più ricercati. Nel centro storico i prezzi sono decisamente alti ma se non si hanno grandi pretese ci sono anche soluzioni più modeste.
Se invece vuoi dormire fuori dai soliti schemi ti consiglio la struttura galleggiante La Péniche Le Hasard. Si tratta di una chiatta con tanto di piscina sul tetto ancorata sul fiume che permette di dormire cullati dalle onde. In più noleggia gratuitamente biciclette, comodissime per visitare Avignone.

Ti è piaciuta Avignone? Hai notato anche tu questo contrasto tra luce e tenebra che sembra una continua lotta in città?
Ci farebbe piacere sapere cosa ne pensi, scrivi un commento qui sotto!

Ti potrebbero piacere

1 commento

Eliana 5 Settembre 2021 - 19:59

Ci sono stata giusto qualche anno fa e ricordo molto bene quanto la cittadina mi fosse risultata caratteristica e ricca di scorci davvero bellissimi (in particolar modo il ponte). D’altro canto ricordo però che la dimora papale mi sembrò fin troppo sobria. Non che non mi sia piaciuta, ma avevo aspettative più “sfarzose”.

Risposta

Lascia un commento

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Accetta Policy

Privacy & Cookies Policy