Tel Aviv. La Miami d’Oriente.

La cosmopolita Tel Aviv, cuore pulsante della movida israeliana, ha molto da offrire per tutti i palati, dalle famiglie in cerca di tranquillità e relax ai giovani festaioli che inondano le strade alla sera.

La Miami d’Oriente, come viene chiamata da alcuni, deve i suoi natali ad una sessantina di famiglie provenienti dalla vicina Giaffa che, nel 1909 acquistarono dei lotti di terra e si stabilirono proprio nell’attuale Tel Aviv, ritenendo la zona adatta alla costruzione di una società prospera. Le case di questi moderni pionieri sono ancora visibili ed inglobate tra i grattacieli, un pezzo di storia mantenuto nella modernità.
La loro lungimiranza fu ben ripagata: Tel Aviv è oggi la città più ricca dello stato di Israele è un importante centro economico, culturale e politico, sede di ambasciate e palcoscenico di eventi di importanza mondiale.

Dal 1909 si sa, il percorso di Tel Aviv non è stato sempre semplice e per arrivare all’attuale città aperta e disinibita gli ostacoli, dovuti perlopiù alla sua collocazione geografica, sono stati molti.
Come una fenice, Tel Aviv ha sempre saputo alzare la testa e rinascere più forte di prima. L’architettura ispirata al movimento Bauhaus divenuta nel 2004 patrimonio dell’umanità riconosciuta dall’Unesco è nata proprio dalle ceneri dei bombardamenti della seconda guerra mondiale.
Tel Aviv è forte, sicura di sé, indipendente.

spiaggia a tel aviv

Cosa vedere a Tel Aviv – Giorno

Benché la vicinanza con la religiosa Gerusalemme possa sembrare ingombrante, Tel Aviv ha una sua spiccata personalità. E’ una città poliedrica, vivace e frizzante, con un netto e pronunciato sguardo verso il futuro.
E’ indiscutibilmente giovane, l’età media infatti è di 34 anni e forse per questo motivo è così brulicante di vita. Il lungo mare è costellato di locali alla moda, hotel di lusso e palestre all’aria aperta.
Appena all’interno, in Rothscjild Boulevard, le gallerie d’arte e giovani artisti propongono una creatività tutta all’occidentale. Qui non siamo in Medio Oriente, o almeno non è quello che si percepisce.
Verso sud, uscendo dai lustri delle boutique, il vecchio quartiere di Jaffa trasmette la sua anima esotica, con mercati, panetterie arabe e ristoranti che propongono un’ottimo hummus.
Ogni giorno tranne il sabato (giorno sacro per l’ebraismo) il Carmel Market è un  luogo roboante di colori e profumi. Ubriacare i cinque sensi mentre ci si perde tra le bancarelle è un’attività che gli israeliani ed i turisti non perdono occasione di praticare.

Lasciatevi trasportare dall’energia dei mille volti di questa città.

Tel-Aviv di giorno

Cosa fare – Notte

Un famoso slogan dice: If Jerusalem prays, Tel Aviv plays“. Niente di più realistico.
La notte brulica di vita, turisti e israeliani si danno appuntamento sul lungo mare e lungo le vie adiacenti per vivere la notte.
Ci sono ottimi ristoranti dove gustare la cucina medio orientale ma anche europea, asiatica o americana. Il ristorante Dalida per esempio, è perfetto per chiaccherare fino a tarda notte in un’atmosfera romantica ed avvolgente, mentre da Nanuchka si da appuntamento la movida radical chic della città per ascoltare musica dal vivo e gustare un’ottima cucina georgiana.
Le serate migliori sono quelle del giovedì e del venerdì mentre il sabato è il giorno dello Shabbat, alcuni ristoranti decidono di restare aperti mentre altri chiudono.
Consigliamo di prenotare sempre un tavolo prima, sopratutto nelle sere più gettonate, infatti non è sempre facile trovare un posto in cui cenare.

Nella città che non dorme mai alcuni club si riempiono solo intorno alle 2 di notte. C’è l’imbarazzo della scelta di locali e discoteche, ma il Kuli Alma con le sue tante zone divise si differenzia tra gli altri: si può parlare tranquillamente su una terrazza o spostarsi in un’altra sala per ballare e sudare!
Segnaliamo anche l‘Haoman 17 con i suoi party a tema e il The Block, con i suoi concerti dal vivo.  Ovviamente sono solo granelli di sabbia nella moltitudine di locali e divertimenti di questa città dai mille volti.

Un’altra caratteristica distintiva di Tel Aviv è il suo carattere “gay friendly” con numerosi locali ed eventi a tema, il più rinomato è il Gay Pride che si svolge una volta l’anno sulle strade del lungo mare e che richiama numerose persone da tutto il mondo.

Tel Aviv by night

E’ per tutti questi motivi che Tel Aviv si è guadagnata l’appellativo di “Miami d’Oriente” grazie alla sua anima decontestualizzata dal resto del territorio e la sua voglia di vivere. Nonostante tutto.

Se stai organizzando un viaggio in Israele, leggi anche il nostro post sulla vicina Petra (Giordania)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *