Usseaux. Il regalo dell’uomo alle montagne.

A sudovest di Torino, in Val Chisone, una deviazione attira l’attenzione. Un dipinto su un vecchio muro mostra un uomo sull’uscio di una porta. Quasi ad accogliere i visitatori ad Usseaux, un borgo tra le montagne.

Cenni storici

Sebbene la presenza umana nella zona sia attestabile già dall’età del bronzo, è Giulio Cesare, nel suo “De Bello Gallico” a citare “Ocelo“, avamposto della Gallia.
Nome celtico significante “alto”, il borgo fin dall’antichità fu conteso (come quasi tutti i paesi delle Alpi Cozie) tra Galli (poi francesi) ed il ducato di Savoia.
Come Chianale, fece parte della Repubblica degli Escartons dal 1343 al 1713 nella quale si godeva di una rara autonomia e di un alto tasso di alfabetizzazione.
Dopo aver attraversato le guerre d’indipendenza, si unì alla neonata Italia nel 1861.

usseaux murales

Terra di religioni e lingue diverse (cattolici e valdesi, italiani e francesi), Usseaux fu da sempre un borgo aperto alla condivisione, a dispetto dell’ubicazione “isolata”.
La I° Guerra Mondiale e la successiva emigrazione verso luoghi più proficui al lavoro pesarono fortemente sul paese. Nel 1928 cessò infatti di essere comune e venne inglobato dalla vicina Fenestrelle.
Ritornò ad essere comune nel 1948.

Il Borgo di Usseaux

Il borgo si compone di 5 frazioni, relativamente vicine tra loro: Usseaux (il capoluogo), Pourrieres, Fraisse, Laux e Balboutet.
Sono piccoli centri dove la vita scorre lenta, cadenzata dai ritmi della natura. Niente potrebbe essere più giusto di Usseaux su quelle montagne, quasi non fosse opera dell’uomo.
Il borgo principale, diviso da vicoli stretti e a volte accidentati, si apre su una deliziosa piazzetta dove si trova il municipio ed una piccola biblioteca.
A dispetto dei luoghi comuni, la chiesa non è il centro del paese. Si trova infatti in una piazzetta sottostante, più piccola.
Negli stretti viottoli impossibile non emozionarsi circondati da meravigliosi murales che spuntano ad ogni angolo.

usseaux murales forno

Attività sportive

La provvidenziale vicinanza al colle ed alla panoramica strada dell’Assietta, fanno di Usseaux una perfetta meta per il trekking. Non è raro avvistare caprioli e marmotte, ma solo con un pò di fortuna, i lupi. Gli stessi percorsi sono battibili in inverno con racchette da neve (ciaspole) e possono regalare intensi scorci come in estate.
Per gli amanti dello sci, a pochi km di distanza la tranquilla Pragelato offre un’olimpionica pista da fondo e la rinomata Sestriere le conosciute piste da discesa della Via Lattea.
Non si tratta di un’attività sportiva (anche se per gli uomini lo sforzo può essere intenso) ma il mercatino di Natale che si svolge all’interno delle stalle del borgo di Usseaux intorno all’8 dicembre è davvero un’esperienza da non perdere.

usseaux inverno

Dove dormire e dove mangiare ad Usseaux

Usseaux propone alternative per tutti i tipi di palati, sempre mantenendo una cucina del territorio. Nella frazione di Balboutet l’azienda agrituristica “Dal Baffo” offre una cucina casalinga con formaggi fatti in casa. Poco distante la trattoria “Edelweiss” prepara con cura piatti della tradizione a prezzi modici. Selvaggina di qualità si può gustare alla trattoria “La Placette” ad Usseaux, nella piazza della chiesa, mentre per una cucina un po’ più ricercata il ristorante “Lago Laux” nell’omonima frazione saprà accontentarvi.
Se volete passare qualche giorno nell’atmosfera del borgo potete soggiornare presso il caratteristico B&B “La Maison” nel centro di Balboutet o nel più austero “Albergo del lago del Laux“.

usseaux mulino

Usseaux è uno di quei posti che quando lasci sai già che ritornerai, perché rimangono così impressi nella memoria che sembra di conoscerli da sempre.


Leggi anche: Fortunago. La pace tra i vigneti.

5 pensieri su “Usseaux. Il regalo dell’uomo alle montagne.

  1. Questi borghi dove la vita scorre tranquilla e leggera mi fanno sempre sognare. Ancora di più quando regalano sorprese come i vari murales che sbucano ad ogni angolo! Una bellissima scoperta per me!

  2. Una bella novità! Bellissimi i murales che non mi sarei mai aspettata in un borgo del genere. Adoro questi posti dove la giornata scorre lenta e tranquilla e me la immagino in inverno sotto la neve 😍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *